Provincia Lavoro Cerco Lavoro Categorie Protette: quali sono, diritti e offerte di lavoro

Categorie Protette: quali sono, diritti e offerte di lavoro



Per iscriversi alla lista delle categorie protette occorrono dei requisiti particolari, necessari al fine di trovare un impiego.

La Normativa che regola le categorie protette è disciplinata dalla legge 68/99, denominata  “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”.

L’obbiettivo principale della norma prevede l’integrità e l’inserimento dei soggetti disabili nel mondo del lavoro, affiancati e sostenuti da servizi di collocamento mirati.

 

COLLOCAMENTO MIRATO: CHE COS’E’

Il servizo offerto dal collocamento mirato tutela una serie di diritti nei confronti dei soggetti disabili, attraverso la legge n. 68/1999. Tuttavia è bene precisare che una minoranza fisica, psichica o sensoriale, non sempre concorrono ad un’effettiva riduzione delle capacità di lavoro. Le leggi inserite permettono dunque di valutare ogni singolo caso di disabilità, con tutti gli strumenti di suppporto al fine dell’inserimento lavorativo più adatto alle proprie condizioni.

Saranno quindi valutati gli strumenti, le strutture lavorative, la risoluzione dei problemi ambientali  e le forze di sostegno.

 

QUALI SONO LE CATEGORIE PROTETTE

La precisazione delle categorie protette è regolamentata dall’articolo n.1 e comprende:

  • Tutti i soggetti portatori di handicap, di minornaze fisiche, sensoriali, psichiche, in forma superiore al 45%, in condizioni verificate a accertate dai rispettivi organi competenti, atti a stabilirie l’invalidità civile.
  • Tutti i soggetti con invalidità lavorativa superiore al 33%, verificata e accertata dall’ente competente dall’INAIL, Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni avvenuti sul lavoro e le malattie professionali.
  • Tutti i soggetti non vedenti, con cecità assoluta e permanente o residuo visivo di un decimo per entrambi gli occhi, regolamentata dalla legge 38/1970 e accertata dagli organi di verifica competenti.
  • Tutti i soggetti sordomuti, affetti dalla patologia al momento della nascita, oppure nei mesi successivi, regolamentata dalla legge 381/1970, accertata dagli organi competenti di verifica.
  • Tutti i soggetti invalidi di guerra, invalidi per servizio con minorazioni ascritte (dalla prima fino all’ottava categoriaT.U riguardanti le pensioni di guerra), i soggetti civili invalidi di guerra, accertati dagli organi competenti di verifica delle invalidità. In questa stessa categoria sono comprese le vittime terrorismo, criminalità organizzata, compresi i loro famigliari, regolamentata dalla legge n.407/ 23.11.98.

 



LISTA CATEGORIE PROTETTE: ISCRIZIONE

Per l’iscrizione alle liste delle categorie protette, regolamentate dalla legge legge 68/99, è necessario aver compiuto almeno quindi anni, senza aver raggiunto l’età per la pensione, corrispondendo ai requisiti di disoccupazione, certificazione dell’invalidità civile.

Le rispettive aziende saranno inoltre tenute a rispettare specifici obblighi.

 

OBBLIGHI AZIENDALI, COME TROVARE LE OFFERTE DI LAVORO

Il collocamento mirato, regolamentato dalla legge 68/99, disciplina alcuni obblighi aziendali, suddivisi in:

  • Obbligo di almeno 1 assunzione ogni 15 dipendenti, di un soggetto appartenente ad una delle categorie protette.
  • Obbligo d’assunzione di 1 soggetto per un numero di dipendenti da 15 a 35.
  • Obbligo d’assunzione di 2 soggetti per un numero di dipendenti da 36 a 50.
  • Obbligo d’assunzione di una quota di soggetti pari al 7% su un numero di dipendenti superiore a 50.
  • Obbligo di collocazione dei soggetti all’interno dell’azienda in categorie a loro più indicate.

Per accedere alle liste del collocamento mirato si dovrà effettuare l’iscrizione presso l’ufficio del Centro per l’impiego con la possibilità di partecipare ai concorsi pubblici indetti per le categorie protette. Le offerte sono inoltre disponibili online, su cartaceo (riviste e quotidiani con offerte di lavoro), presso le agenzie lavorative.