Home Aziende e Imprese Come Aprire Una Società Cooperativa

Come Aprire Una Società Cooperativa



Nell’attuale tempo di crisi economica che l’intero paese sta attraversando, aprire una società cooperativa può rivelarsi un’ottima idea e costituire una buona risorsa occupazionale.

Se le vostre intenzioni mirano in questa direzione dovete tener conto del fattore comunità: una cooperativa infatti si avvale della collaborazione, stringendo rapporti con altre persone e diverse figure professionali, con le quali saper fare squadra.

 

PASSI DA INTRAPRENDERE PER APRIRE UNA COOPERATIVA

L’iter burocratico per avviare una società cooperativa prevede:

  • Norme
  • Notaio
  • Soci
  • Apertura partita Iva
  • Deposito alla Camera di Commercio

 

Per aprire una cooperativa sociale vi serviranno almeno nove membri, che potranno essere sia persone giuridiche, che fisiche, e andranno appunto a formare  la società. In caso non riusciate a raggiungere il numero indispensabile di persone allora dovrete ripiegare sull’apertura di una piccola società cooperativa.  In questo caso dovrà essere composta solamente da persone fisiche per un minimo di tre soci, fino ad un massimo di otto soci.

Sotto il valore legale la cooperativa dovrà obbligatoriamente essere costituita attraverso un atto pubblico, compilando in presenza di un notaio. L’atto dovrà contenere le informazioni anagrafiche dei soci, cognome, nome, data e luogo di nascita, indirizzi, recapiti telefonici di riferimento e altre informazioni richieste, oltre alle finalità e le caratteristiche della cooperativa.



La convocazione del notaio, il deposito alla Camera di Commercio, la richiesta del codice fiscale e l’apertura della partita Iva oscilleranno in una cifra di spesa intorno ai 2000/3500 euro. Lo Statuto invece  è un documento redatto entro 20 giorni dalla scrittura dell’Atto Costitutivo. Al suo interno saranno compresi: il nome dell’associazione denominata come “Cooperativa Sociale”;  l’oggetto sociale; le informazioni sul capitale sociale; il ruolo di ciascun socio internamente alla cooperativa; il tipo di responsabilità; la durata della società; l’organizzazione delle assemblee della cooperativa; le condizioni per l’ammissione, recesso ed esclusione dei soci dalla cooperativa sociale.

Il notaio entro 30 giorni consegnerà l’Atto Costitutivo alla Camera di Commercio e, mediante il Tribunale, la cooperativa verrà omologata direttamente nel Registro delle Imprese. Lo stesso notaio comunicherà all’Ufficio Distrettuale delle Imposte Dirette la creazione della società cooperativa. Successivamente dovrete indicare un legale che rappresenti la cooperativa e il documento dell’effettiva apertura.

Una cooperativa è tale in quanto un gruppo di persone si unisce insieme per ottimizzare i costi e soddisfare un bisogno comune.  Il lavoratore diventa imprenditore di se stesso e determina insieme ai soci le diverse modalità di organizzazione e spesa.

Una cooperativa di solito non porta ad arricchirsi ma mira ad ottenere utili costanti e duraturi. Questo non significa necessariamente guadagnare meno, ma saper porre al primo posto gli interessi e le finalità della cooperativa, lavorando in team.

 

AGEVOLAZIONI FISCALI DI UNA COOPERATIVA

In una cooperativa parte degli utili non verrà distribuita tra i soci, ma nuovamente investita nell’impresa. Lo Stato infatti regola l’impegno sociale attraverso un’agevolazione che possa permettere alla società di protrarsi nel tempo, creando nuove opportunità di impiego.

Le cooperative possono essere aperte in diversi settori: nella grande distribuzione, in ambito bancario, nell’agricoltura, nei servizi. E’ anche possibile aprirla con lo scopo di recuperare un edificio e trasformarlo in un centro di ritrovo oppure in un ristorante, ecc.