Home Aziende e Imprese Come Aprire un’Impresa Artigianale: Requisiti e Adempimenti

Come Aprire un’Impresa Artigianale: Requisiti e Adempimenti



L’impresa artigiana viene regolamentata da un’apposita legge speciale, “Legge n. 443/85 c.d Legge quadro sull’artigianato”.

Secondo la stessa: viene considerata quella che viene esercitata professionalmente ed, in qualità dei titolare, direttamente dall’imprenditore richiamato ad assumere la piena responsabilità degli oneri e i rischi riguardanti la gestione e la direzione dell’attività e del lavoro manuale al’interno del processo produttivo.

Viene considerato imprenditore il soggetto che:

  • esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare l’impresa artigiana;
  • assume la piena responsabilità dell’impresa, con tutti gli oneri e i rischi inerenti la sua direzione e gestione;
  • svolge prevalentemente in prima persona l’attività, intervenendo, anche manualmente, nel processo produttivo.
  • titolare di una sola impresa artigianale.

 

DEFINIZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA

Viene considerata un’impresa artigiana qualsiasi impresa che abbia come fine lo svolgimento di un’attività di produzione di beni, di prestazione o di servizi. Può essere avviata anche in forma societaria in nome collettivo, cooperativa, società in accomandita semplice o a responsabilità limitata o socio unico.

I requisiti necessari dovranno essere quindi:

  • il lavoro dovrà avere una funzione preminente sul capitale;
  • in presenza di oltre due soci (accomandatari per le S.a.s.), la maggioranza dovrà svolgere in prevalenza un lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo;
  • in presenza di due soci, almeno uno dovrà svolgere un lavoro personale, manuale, nel processo produttivo.

La produzione artistica che costituisce l’elemento tipico del patrimonio storico e culturale viene definita lavorazione artistica artigianale, come sono considerate lavorazioni tradizionali i prodotti realizzati secondo tecniche tramandate.

Vengono escluse categoricamente tutte le attività come: le imprese agricole ;le  imprese che effettuano prestazioni di servizi commerciali;le attività di intermediazione nella circolazione dei beni; le attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande.

 



IMPRESA ARTIGIANA REQUISITI

Uno dei requisiti fondamentali è quello di poter possedere una sola e unica impresa, come regola ferrea e fissa. Sarà indispensabile possedere una specifica certificazione, richiesta e rilasciata dalla Commissione Provinciale per l’Artigianato sulla base del possesso dei requisiti presentati. Questo vale per tutte quelle attività come imprese di pulizia, facchini, estetisti, elettricisti, acconciatori, idraulici, ecc. Presso le stesse commissioni sarà inoltre possibile seguire dei corsi per poter ottenere i requisiti indispensabili.

L’impresa artigiana potrà svolgere anche un’attività strumentale ed accessoria, ad esempio la vendita di una parte dei propri prodotti al pubblico in orari notturni, durante il processo di lavorazione.

 

LIMITI DELL’IMPRESA ARTIGIANALE E DOVERI

I requisiti dimensionali disciplinati dall’articolo 4 della stessa legge sopra citata, prevedono che l’impresa artigiana possa essere svolta anche attraverso la prestazione lavorativa di personale dipendente, alla direzione del personale dall’imprenditore o dai suoi soci. Questo a rispetto dei seguenti limiti:

  • 18 dipendenti, compresi gli apprendisti che non possono essere più di 9 per le imprese che non lavorano in serie;
  • 9 dipendenti, massimo 5 apprendisti, per le imprese in serie;
  • 32 dipendenti, massimo 16, per le imprese artistiche, tradizionali e dell’abbigliamento su misura;
  • 8 dipendenti, compresi gli apprendisti, per le ditte di trasporto;
  • 10 dipendenti, massimo 5 apprendisti, per le imprese edili.

L’imprenditore dovrà iscriversi obbligatoriamente alla camera di commercio, competente per Provincia di appartenenza della sede legale, entro 30 giorni dall’inizio dell’attività. L’azienda verrà iscritta all’Albo professionale entro un termine di 60 giorni. L’imprenditore dovrà munirsi di Partita Iva, richiesta anche presso gli uffici della Camera di commercio.

Un altro passo obbligatorio sancito dalla legge è l’iscrizione presso l’Inail, (imprenditore, soci, dipendenti) presentando richiesta almeno 5 giorni prima dell’inizio dell’attività.

L’imprenditore può richiedere la collaborazione dei famigliari all’Albo delle imprese artigiane purché rientrino nel 3 grado i parenti e nel 2 gli affini.




CONDIVIDI