Provincia Lavoro Cerco Lavoro Come Diventare Investigatore Privato

Come Diventare Investigatore Privato



Come si diventa investigatori privati? La professione dell’investigatore suscita spesso curiosità e fascino, se la vostra aspirazione è quella di perseguire indagini private non dovrete far altro che seguire questa sorta di guida che vi illustrerà tutto ciò che dovrete sapere.

Gli investigatori privati sparsi sul territorio italiano risultano essere odiernamente circa 3000, con agenzie concentrate soprattutto nelle grandi città, come la capitale Roma.

Ogni investigatore privato possiede una licenza, per la maggior parte risalente alla al vecchio ordinamento in proposito del 1931, aggiornato da qualche anno da una riforma rimodernizzata.

In passato non occorrevano grandi requisiti per ambire a tale professione, era di fatti sufficiente presentare un minimo di alfabetizzazione, una fedina penale immacolata, possedere una sorta di esperienza maturata presso un’agenzia di investigazioni o presso il corpo delle forze dell’ordine. Ma come sono mutati oggi i tempi e i requisiti?

 

REQUISITI ESSENZIALI PER DIVENTARE INVESTIGATORE PRIVATO

  • Essere in possesso di una laurea;
  • triennio di formazione di praticantato;
  • aver frequentato corsi di aggiornamento ai sensi del D.M. 269/10.

Il Decreto di legge ha inoltre stabilito le seguenti distinzioni:

  • Investigatore privato titolar di istituto
  • Investigatore autoirzzato dipendente
  • Informatore autorizzato dipendente

Ad oggi, la figura dell’investigatore dipendente viene giuridamente riconosciuta, a differenza degli anni passati. L’investigatore privato dipendente dovrà essere in possesso di un diploma (scuola media superiore), di una formazione treinnale presso un’agenzia investigativa a titolo civile per un periodo di almeno 5 anni, con stage alle spalle di approfondimenti e aggiornameni teorici inerenti all’investigazione privata, istituiti appositamente dalle università e dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza. In alternativa, l’aspirante investigatore, dovrà aver svolto come praticantato attività inerenti attravrso i reparti delle forze dell’ordine di Polizia, per un periodo minimo di 5 anni, con un ulteriore periodo di 4 anni dal termine del servizio, escluse note di demerito sul proprio curriculum professionale.



L’investigatore privato titolare di istituto invece dovrà esser in possesso di una laurea triennale (inerente a studi di psicologia, scienze politiche, economia, giurisprudenza, ecc).

Dovrà inoltre possedere almeno un altro triennio di praticantato presso un istituto privato per un periodo minimo di 5 anni, con partecipazione ai corsi di formazione e aggiornamento, presso gli enti riconosciuti e autorizzati dal Minestero interno, oppure provenire da un’esperienza presso le forze dell’ordine con un periodo di termine dal proprio impiego di almeno 4 anni, senza demeriti.

 

COME APRIRE UN’AGENZIA INVESTIGATIVA IN ITALIA

Per aprire regolarmente un’agenzia investigativa privata sul territorio italiano occorrerà ottenere un’apposita licenza di Pubblica Sicurezza da richiedere alla sede della Prefettura, dimostrando di possedere tutti i requisiti essenziali con l’iscrizione alla Camera di Commercio. Periodicamente si potrà essere soggetti ai controlli dell’autorità prefettizia al fine di valutare il corretto svolgimento delle attività professionali.

Al momento della richiesta per la licenza il soggetto dovrà aver dichiarato l’attività che si intende svolgere, correlata di sede di ubicazione territoriale, la disponibilità economica dell’agenzia, ovvero il deposito cauzionale (che ammonta alla cifra di 20 mila euro per le istituzioni investigative private, a 40 mila euro per gli istituti di informazione commerciali, integrata da una cauzione di 10 mila euro per ogni sede secondaria e 5 mila euro per ogni tipologia di servizio) le diverse attrezzature e tecnlogie di cui si intende disporre.