Provincia Lavoro Franchising Mercatino Franchising: come fare e come funziona

Mercatino Franchising: come fare e come funziona



Per aprire un mercatino dell’usato si dovranno possedere capacità imprenditoriali, passione, conoscenze in merito agli oggetti di antiquariato e da collezione, oltre all’attitudine al lavoro e al rapporto con la clientela.

Un mercatino dell’usato presenta le stesse identiche impostazioni di un qualsiasi altro esercizio commerciale, con alcuni vantaggi come il conto vendita degli oggetti messi a disposizione dai privati. Riuscire a rendere redditizia tale attività dipenderà da tutta una serie di fattori, mentre si dovrà prendere in considerazione soprattutto l’aspetto economico del locale e le sue dimensioni.

Per riuscire ad ospitare all’interno della propria attività commerciale una vasta gamma di oggetti, senza correre il rischio di accumulare troppe cose insieme con il risultato di un effetto sgradevole per la clientela come spesso accade, si dovranno possedere le giuste dimensioni degli interni.

Da diversi anni i mercatini dell’usato hanno subito un grande incremento, complice la crisi economica generalizzata che ha portato una larga fetta di persone ad avvalersi del riciclo degli oggetti e dei materiali usati, il tutto ad un prezzo nettamente inferiore rispetto alla merce nuova.

Aprire un mercatino senza l’appoggio di un marchio franchising comporterà l’acquisto totale o l’affitto elevato dello spazio necessario per ospitare gli oggetti, che potrà essere ridotto a seconda delle diverse caratteristiche specifiche. Esistono infatti diversi mercatini dell’usato, da quelli specializzati solamente nell’abbigliamento, quelli in oggetti e mobilio casalingo, quelli che comprendono un pò di tutto, ecc.

Bisognerà quindi partire con le idee chiare, cercando di capire quali siano i possibili settori di interesse della clientela rispetto alla zona in cui sarà ubicato il negozio. Un’affiliazione in franchising comporterà sicuramente alcuni vantaggi, ma come scegliere attentamente il giusto contratto?



 

MERCATINO DELL’USATO FRANCHISING: CARATTERISTICHE

Aprire un mercatino dell’usato in franchising può rivelarsi un’alternativa per chi intende investire all’interno di una nuova attività senza disporre di notevoli somme di denaro da investire. Affiliarsi ad un noto marchio aziendale inoltre potrà azzerare le fatiche di una pubblicità, garantendo in partenza la qualità del nominativo del logo madre.

La sottoscrizione ad un franchising comporterà quindi una somma di ingresso inferiore rispetto al budget necessario per un’attività propria, associata alla garanzia della fornitura degli acquisti dei macchinari, degli arredi interni e della formazione professionale, oltre all’assistenza specializzata durante l’intero periodo del contratto.

Molti contratti e preventivi di franchising sono disponibili e visualizzabili online, con la trasparenza dei profitti, degli oneri e dei regolamenti disposti dalle aziende leader. Questa metodologia potrà rivelarsi utile anche per la scelta dell’ubicazione, le dimensioni consigliate del locale, la clientela e la tipologia di usato che si intende offrire al pubblico.

L’iter burocratico comprenderà tutti i passaggi per l’apertura di un esercizio tradizionale disposto alla vendita, mentre sarà importante visionare i vantaggi offerti dal marchio, il numero degli eventuali affiliati chiusi in seguito al franchising, quello degli esercizi presenti sul territorio nazionale ed eventualmente internazionale, il tempo minimo di durata del contratto, la presenza delle assistente offerte, il costo di entrata, le royalties, le eventuali clausole, il regolamento d’azienda.