Provincia Lavoro Tasse e Leggi Paga Conglobata nello Stipendio, netta o lorda? Cos’è e come funziona

Paga Conglobata nello Stipendio, netta o lorda? Cos’è e come funziona



La paga conglobata comprende lo stipendio base erogato al dipendente lavoratore e l’indennità sostitutiva, ma per comprendere a pieno in che cosa consiste e a cosa si riferisce occorrerà fare chiarezza in merito.

La paga conglobata racchiude la somma della paga base insieme a quella dell’indennità di contingenza, parametro fissato già fino al 1991 che adeguava la somma stipendiale in base al costo della vita, subendo relativi aggiornamenti ogni 3 mensilità di tempo.

Tale indennità di contingenza si è ritrovata congelata a partire dal 1 novembre 1991, ma non del tutto. Alcuni specifici CCNL prevedono ancora il calcolo dell’indennità sostitutiva all’interno della busta paga, specificatamente sotto la dicitura siglata in “EDR”. La paga conglobata viene ancora erogata ad alcuni lavoratori dipendenti seppur, molti di loro, ignorano ancora la sua funzionalità specifica. Comprendere a pieno l’importo della paga conglobata consentirà al lavoratore dipendente di rimanere informato sulle specifiche della propria busta paga salariale, sotto l’importo regolare che tale modalità comporta.

 

Come Funziona la Paga Conglobata nello Stipendio

La paga conglobata comprende due caratteristiche fondamentali: lo stipendio base e l’indennità di contingenza nonostante sia stata congelata dal 1991 per molti dipendenti.

La retribuzione base di un lavoratore dipendente è conosciuta e denominata anche sotto forma di minimo contrattuale e minimo tabellare, a caratterizzare l’importo effettivo stabilito dal CCNL in riferimento alla specifica categoria lavorativa contrattuale. A seconda della qualifica in cui rientra il lavoratore anche l’importo della retribuzione base subirà un aggiornamento conseguente che potrà essere soggetto a variazioni solamente in presenza di un rinnovo contrattuale, lo stesso che sarà integrato nei contratti dei dipendenti pubblici nel prossimo futuro, ma anche in seguito al cambio specifico delle mansioni svolte dal lavoratore dipendente. Tale cambio di mansione tuttavia dovrà rappresentare obbligatoriamente una posizione superiore della qualifica in quanto la busta paga conglobata non potrà essere soggetta a riduzioni.



L’indennità di contingenza invece, denominata anche scala mobile, si presentava particolarmente diffusa negli anni passati compresi fra gli anni ’70 e ’80, ovvero nel maggior periodo di utilizzo. L’indennità di contingenza veniva aggiornata ogni trimestre in modo tale da garantire al lavoratore dipendente una retribuzione pari al costo della vita calcolato in un dato periodo. A partire dal 1986 l’indennità di contingenza venne calcolata ogni semestre, mentre a partire dall’anno di congelamento riferito al 1 novembre del 1991 si è optato per un’invariazione nel corso degli anni.

Dal 1991 in poi molti CCNL hanno così previsto il conteggio dell’indennità di contingenza all’interno della busta paga base, soprattutto per quanto riguarda i contratti commerciali, mentre nel resto delle retribuzioni la stessa voce di trova disponibile sotto altre diciture.

Alcuni contratti prevedono l’entrata in sostituzione della paga conglobata all’elemento distinto della retribuzione detto EDR, per un importo pari a 10,33 euro mensili senza alcuna possibilità di variazione della somma indicata.

L’EDR viene erogato a tutti i lavoratori dipendenti fatta eccezione per i dirigenti, riportata nella parte superiore del cedolino della busta paga.

Il CCNL del settore Commercio prevede un importo pari al 0,30% della somma calcolata tra stipendio base e indennità di contingenza, da corrispondere nell’arco di 14 mensilità. Per i CCNL Logistica, Trasporto merci e spedizioni, viene invece prevista una corrispondenza piena, in quello bancario è previsto al 6,05% della retribuzione, mentre l’articolo 7 bis del CCNL studi professionali stabilisce un’emissione pari a 23 euro non assorbili da parte del datore di lavoro in presenza di un’omissione delle quote riferite alla bilateralità.n




Paga Conglobata nello Stipendio, netta o lorda? Cos’è e come funziona ultima modifica: 2018-01-04T12:01:21+00:00 da redazione